Viola

Le tonalità più chiare esprimono sensualità, quelle scure spiritualità. Il viola suscita armonia tra attivo e impulsivo, riflessivo e passivo, serenità melanconica ed eccitazione velata ed è fortemente controindicato nelle depressioni. È conosciuto come il colore dello spirito e, in effetti, agisce sull’inconscio dando forza spirituale ed ispirazione. È il colore della volontà di essere diversi, della metamorfosi, della transizione, ma anche della fascinazione erotica. Questo colore esprime un’energia pura, è una forza legata alla vitalità del rosso e all’intimo accoglimento dell’azzurro. Ambienti viola moderano l’irritabilità ed aiutano il raccoglimento, la meditazione, persino l’ispirazione. Molto usate per dipingere camere da letto, soggiorni, zone studio sono le sue tonalità che possono virare dal magenta al glicine e al viola scuro. Può essere abbinato ad elementi d’arredo in bianco e nero o di legno colorato. Giocando con accostamenti e contrasti, si può osare perfettamente con il bianco ed il verde mentre abbinamenti con il nero e con il rosso sono molto forti e rischiosi. Le sfumature del viola stanno bene insieme, ma per molte persone sono troppo opprimenti. I viola tendenti al blu stanno bene con gli azzurri freddi, mentre quelli tendenti al rosso si abbianano meglio ai rosa chiari.

L'architetto del colore