Festival della Scienza 2012

Boero sponsor e attore protagonista del Festival

25-10-2012

 

Il Gruppo Boero ha  partecipato all’edizione di quest’anno dell'importante manifestazione  ormai riconosciuta a livello internazionale non solo come sponsor ma anche come protagonista attivo.

Il Gruppo infatti ha di fatto organizzato il convegno “ Colore in evoluzione: i luoghi dell’infanzia” e parallelamente i laboratori interattivi all’interno dei quali bambini ed adolescenti hanno realizzato una sorta di “gioco dell’oca”, il cui percorso riproponeva le principali tappe dell’evoluzione che ha generato la vita per come la conosciamo ai giorni nostri, salendo sulle spalle di giganti quali Darwin, Lamarck, Wallace, Gould o Dawkins. 480w: ok1-1355502721.jpgUltima tappa del processo evolutivo  è l’uomo, quale animale pensante, che si muove nell’ambiente  facendo scelte volontarie ed emozionali  che condizionano lo sviluppo del sistema in cui vive e le sue caratteristiche. Il colore è parte integrante di tutto ciò, dall’infanzia  fino all’età adulta e lo è ancora di più nell’ambito dei sistemi per edilizia di cui il Gruppo Boero è uno dei principali esponenti industriali in italia.

Il convegno “Colore in evoluzione: i luoghi dell’infanzia”, ha avuto luogo venerdì 26 ottobre nella fantastica cornice del Palazzo della Borsa di piazza Europa, ha visto come relatori Maria Cristina Pasi (Direttore Corporate R&D  Gruppo Boero), Giampaolo Pasino (Architectural Coatings Development Manager Gruppo Boero), Chiara Segrè (Post Doc Researcher in Molecular Medicine,  autrice di mostre scientifiche ed esperta in comunicazione della scienza), Debora Serra (laureata in tossicologia, esperta in comunicazione ed animazione scientifica), prof. Raffaella Fagnoni (docente di Design  DSA presso il Dipartimento di Scienze per l’Architettura di Genova), prof. Capannelli ( presidente TICASS) e Dirk Lorrè (Dottore in Psicologia e Scienze Pedagogiche, specializzato in Psicologia dei Consumi ed esperto di Family&Kids Marketing). I relatori hanno approfondito tematiche assolutamente attuali come quella delle Smart Cities, veri e propri ecosistemi prodotto di tecnologie intelligenti e caratterizzati da una sostenibilità ambientale, ma anche sociale, e quella del Green Building i cui punti cardine sono il basso impatto ambientale, il basso consumo energetico, l’alta performance, la ricerca del massimo riciclo ed una gamma cromatica che rispetti i canoni delle Smart Cities medesime.

In tutto questo la centralità assoluta è accordata alla persona, dove per persona si intende un complesso sistema dinamico di bisogni, esigenze  e preferenze. Partire da tali preferenze per creare un prodotto verniciante che sia promotore del benessere della persona è l’intento del Gruppo Boero che, con la sua storia di continua ricerca volta all’innovazione, alla modernità e all’ecosostenibilità dei prodotti (comprovata anche dall’attività del Centro  Ricerca e Sviluppo  “Riccardo Cavalleroni”, fiore all’occhiello dell’azienda),  è interprete perfetto di questa nuova sfida della comunità sociale.

 Proprio per rendere atto pratico questo proposito, l’azienda ha deciso di approfittare del Festival della Scienza quale imperdibile punto di partenza per la progettazione di una nuova gamma di prodotti la cui definizione cromatica verrà creata sulla base delle preferenze di piccoli, grandi giudici. Durante i laboratori interattivi, infatti che l’azienda ha condotto grazie alla consulenza del Prof. Lorrè, una rilevazione delle preferenze cromatiche di bambini e ragazzi di età compresa tra i 6 ed i 16 anni, mettendo in pratica il cosiddetto “trend watching”, ossia una sorta di analisi di mercato dal vivo sul target di riferimento.

Sulla base di questa rilevazione verrà poi costruita una nuova palette di colori per la produzione dei quali sarà realizzata una formulazione ad hoc che esiterà in un prodotto tecnologicamente, chimicamente e cromaticamente unico nel suo genere e, per così dire, disegnato sul campo.

E’ evidente che cifra innegabile del Gruppo Boero siano la ricerca dell’ecosostenibilità delle vernici, di un’elevata funzionalità pratica unita al rispecchiamento della sfera emozionale in ottemperanza alle “guidelines dell’eco- sustainability” e  di un’alta performance tecnologica che consente la massima implementazione della gamma cromatica parallelamente allo sviluppo formulativo e non successivamente.

Il Gruppo  Boero è partner di TICASS, un consorzio di Enti pubblici di Ricerca, Piccole, Medie e Grandi Imprese che ricercano costantemente Tecnologie Innovative per il Controllo Ambientale e lo Sviluppo Sostenibile; si colloca quindi a pieno titolo tra quelle realtà che operano con il fine di produrre un impatto ambientale sempre più esiguo e di promuovere il benessere nel senso più ampio del termine. E’ in quest’ottica che va intesa la partecipazione attiva del Gruppo Boero negli incipienti progetti di ristrutturazione  di quartieri ed aree dismesse volti alle nuove generazioni, nell’ambito della riconversione di Genova in Smart City. Per la realizzazione di un progetto così particolare ed importante quali altri “consulenti” avrebbe potuto interpellare il Gruppo Boero se non i bambini  ed i ragazzi, per niente interessati a logiche di mercato, ma, per definizione, privi di inibizioni adulte e quindi perfetti fautori di scelte emozionali, cioè volte al puro benessere?

La partecipazione al convegno “Colore in evoluzione: i luoghi dell’infanzia” è divenuta quindi occasione imperdibile di approfondimento di tematiche Social-Green e di confronto con una realtà imprenditoriale che fa dell’innovazione il proprio marchio di fabbrica.